Le origini

Nella parte settentrionale della provincia di Reggio Calabria, al confine con quella di Vibo Valentia, sorge Galatro, situato a 158 m. dal livello del mare, paese di epoca bizantina. E’ circondato da colli, da ulivi, da vigne, da castagni, da aranci ,un centro collinare abitato sin dalla preistoria grazie alla favorevole collocazione tra i due mari ed alla ricca orografia che ne caratterizzava sin da allora i territori. Il toponimo “Galatro” deriva probabilmente dal dialetto greco-calabro (Gàlatron ;Galotyrio), col significato di “pendio, burrone. Si trova alla confluenza dei fiumi Fermano e Metramo, che lo divide nei due nuclei di Galatro Superiore e Montebello, in una vallata ad est di Feroleto e Plaesano. Pochi sono i documenti scritti relativi alla storia più antica di Galatro, ma sono tante le testimonianze del suo operoso passato. Il fiume Metramo permise insediamenti di una certa consistenza ed un notevole sviluppo economico: tra le prime comunità era molto diffusa l’arte della conceria e della lavorazione di tessuti e pellami. Nel Medioevo Galatro crebbe grazie all’arrivo dei profughi delle città vicine, specie quelle costiere, insidiati dai continui attacchi dei pirati saraceni. Nel 1075 giunsero in città i monaci basiliani che fondarono un importante monastero dedicato a Sant’Elia in quanto, si narra, vi fosse custodito il corpo del Santo. Ed è sempre ai monaci che si deve la scoperta delle fonti termali del Monte Livia, acque sulfuree dalle eccellenti proprietà curative che alimentano ancora oggi le Terme di Galatro, particolarmente rinomate. Oltre alla Chiesa di San Nicola ed allo stabilimento termale vi invitiamo a visitare anche la diga sul fiume Metramo, alta 100 metri e larga oltre 450, e la centrale idroelettrica di contrada Gonì,.

 

 

 

Indietro

 

Stemma Comune Galatro

COMUNE DI GALATRO
VIA V.VENETO
Tel. 0966.903041 - Fax 0966.903149
P.I. 00256700808

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.253 secondi
Powered by Asmenet Calabria